top of page
  • Immagine del redattoreEmanuele Danieli

Errore Inter-sample. Cos'è di preciso?

Aggiornamento: 17 mar 2023

Spesso, nei miei video tutorial su YouTube, parlo di errore Inter-sample, distorsione

Inter-sample e di livello true-peak.

Per prima cosa, questo fenomeno riguarda i segnali audio in dominio digitale. In

analogico questa distorsione non si riscontra, quindi per capire bene il concetto, è

importante conoscere come l'audio digitale viene campionato e codificato.



La sinusoide ed il suo campionamento


In natura una sinusoide si presenta come un onda continua.

campionare in digitale una sinusoide, richiede di spezzettare il suono in tanti piccoli

campioni che, una volta interpolati, saranno in grado di riprodurre in maniera fedele il

segnale audio originario.

In base alla risoluzione in bit utilizzata, ogni campione si vedrà assegnato un preciso

valore matematico. L'errore Inter-sample ha a che fare proprio con questo valore. Ma

come e quando si verifica questa distorsione?




Quando avviene? Come si corregge?


Il fenomeno dell'errore Inter-sample si verifica spesso in fase di mastering con

l'eccessivo utilizzo del limiter. Schiacciando molto il suono in prossimità della soglia

del limiter, due o più campioni potrebbero assumere un identico valore matematico.

La sequenza di più valori consecutivi identici, causa in uscita del convertitore, la

presenza di tensione continua e di un notevole affaticamento in fase di ascolto (effetto

brick wall).


Uno dei modi per correggere la distorsione Inter-sample è quello di usare un

expander upward subito dopo il limiter, in modo da modulare i valori matematici dei

campioni affetti dal problema, emulando di fatto il comportamento di un limiter

analogico. In dominio analogico, i campioni audio con tutta la matematica annessa

non ci sono, ed è praticamente impossibile che si vengono a creare le condizioni

favorevoli alla distorsione Inter-sample.

Un altro modo per risolvere il problema è quello di lavorare a frequenze di

campionamento più alte o, più facilmente, utilizzare l'over-sampling. Aumentare i

campioni a livello temporale aiuta a modulare la parte continua grazie alla maggiore

risoluzione.

Un altro modo, direi il più semplice, è quello di utilizzare la funzione apposita

“intersample detect” presente nei maximizer/limiter più evoluti come: Fab Filter Pro

L e Izotope Ozone.





Fonte immagini (alcune) ed argomentazione prese da MITB. Acquista il libro qui

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page